Costarica.

Gli esseri umani aspirano alla diversità, alla distinzione. “Io no” è quasi un grido di battaglia. Ma bastano due birre in fresco, Italia-Messico in Tv, e la peggior pizza d’asporto del mondo per diventare nuovamente un gregge.
Frenulo!
Il ritorno contorto delle usanze tribali, come la vecchia dance anni 90. Softcore, Hardcore, Hardrock, Poprock, Popcorn. E fragole con panna. E i pan di stelle. Ho conosciuto un tipo che una volta, non due, incontrò Martina Stella, quella famosa, alla fermata della metropolitana, e non dentro la metropolitana, al Tuscolano. O in Toscana.
Non ricordo!
Potrei darmi allo spaccio di stupefacenti; o al reportage sullo spaccio di stupefacenti; o alla sceneggiatura di un film che parla di un reportage sullo spaccio di stupefacenti; o alla scrittura di un romanzo il cui protagonista, tale Igor Sanchez, si occupa della sceneggiatura di un film che parla di un reportage sullo spaccio di stupefacenti.
Rifletto.
Potrei comprare delle rose per la mia ex. Ma la mia ex non si lascia comprare con un mazzo di rose: vuole essere leccata. Il mondo gira tutto attorno al cunnilingus. Talvolta attorno ai soldi. Ma i soldi servono a garantire una dose giornaliera di cunnilingus sufficientemente alta da far urlare le madamigelle. Sempre che ci si riesca.

Domani parto in Costarica, cunnilingus o meno…

Annunci

Amore dislessico.

E mi è piaciuto osservare i tuoi vizi, le tue passioni, le tue divertenti e ingenue debolezze, sorseggiare la birra, con la tenerezza per cui hai raccontato le tue labbra alle mie: ti muovevi sui tacchi. Purtroppo non ti ho chiesto né il tuo profumo, né dove al primo, né come il suono della tua risata. Ma non dimenticherò ciò che ho da fare . Sono impazzito per il modo in cui incrociavi gli occhi, frugando leggermente la nuca. Che spettacolo lasciare l’eleganza accarezzata, così la tosse delicata quando hai sboccato con l’esagerazione. Ho amato il modo con cui tu sei, piegando dentro la borsa alla ricerca dell’accendino, perché potessi massaggiarti la nuca. Mi chiami di te, ieri sera, sguardi vivi. Ho adorato il numero di telefono, il modo in cui respirando dolcemente, ti ho colpito. Mi sono innamorato dell’ingenuità che hai usato la tua vita.

Mi chiami di te, ieri sera, sguardi vivi. Ho adorato il numero di telefono, il modo in cui respirando dolcemente, ti ho colpito. Mi sono innamorato dell’ingenuità che hai usato la tua vita. Sono impazzito per il modo in cui incrociavi gli occhi, frugando leggermente la nuca. Che spettacolo lasciarti accarezzare l’eleganza, così la tosse delicata quando hai sboccato con l’esagerazione.Ho amato il modo con cui tu sei, piegando dentro la borsa alla ricerca dell’accendino, perché potessi massaggiarti la nuca. Ma non farò dimenticanza, né ti ho.E mi è piaciuto osservare i tuoi vizi, le tue passioni, le tue divertenti e ingenue debolezze sorseggiare la birra, con la tenerezza per cui hai raccontato le tue labbra alle mie: ti muovevi sui tacchi. Purtroppo non ti ho chiesto né il tuo profumo, né dove al primo, né come il suono della tua risata.

Mi chiami da te, vivo sguardo, ieri sera. Ho adorato il numero di telefono, il modo in cui respirando dolcemente, suonava la tua risata. Mi ha colpito l’ingenuità che hai usato nella tua vita, nei tuoi vizi, nelle tue passioni, nelle tue divertenti e ingenue debolezze. Sono impazzito alla birra, e al modo in cui incrociavi gli occhi frugando leggermente la nuca. Che spettacolo l’eleganza, lasciala accarezzare, così come la tosse delicata quando hai esagerato con la boccata. Ho amato il modo con cui ti sei, piegando dentro la borsa alla ricerca dell’accendino, potuta massaggiare la nuca. E mi è piaciuto osservarti sorseggiare la tenerezza con cui hai raccontato le tue labbra alle mie: ti muovevi sui tacchi. Purtroppo non ti ho chiesto né il tuo profumo, né dove al primo, né come ti sono innamorato. Ma non farò dimenticanza, né ti ho.

Mi sono innamorato di te al primo sguardo, ieri sera. Ho adorato il tuo profumo, il modo in cui ti muovevi sui tacchi, il suono della tua risata. Mi ha colpito l’ingenuità con cui hai raccontato la tua vita, i tuoi vizi, le tue passioni, le tue divertenti e ingenue debolezze. Mi è piaciuto osservarti sorseggiare la birra, e il modo in cui incrociavi gli occhi frugando dentro la borsa alla ricerca dell’accendino. Che spettacolo l’eleganza nel tuo modo di fumare, così la tosse delicata quando hai esagerato con la boccata. Ho amato il modo in cui ti sei lasciata accarezzare, piegando leggermente la testa perché potessi massaggiarti la nuca. E sono impazzito per la tenerezza che hai usato nell’unire le tue labbra alle mie, respirando dolcemente. Purtroppo non ti ho chiesto né il numero di telefono, né dove vivi, né come ti chiami. Ma non ti ho dimenticato, né mai lo farò.

La gioviale attitudine al Blowjob di Miss Mary Chesterfield da Shurdington.

Senza titolo

Da piccolo mi appassionai alla tassidermia. Fu colpa del mio vicino di casa, Mister Edgar Alain Prost, che si fece venire un infarto nel marciapiede che affiancava la mia adorata Sir Fred Stuart Montgomery’s Street. E. A. Prost era il maniscalco locale, e pensai che il suo decesso avrebbe comportato perdite alla vendita di cavalli. Sbagliavo, l’industria locale del porno ingaggiò un nuovo abile maniscalco.
Tornado a quel giorno, il corpo inerme di Mister Prost, circondato da passanti preoccupati soprattutto che non piovesse e lo spaccio locale non finisse le riserve di tè, stuzzicò le mie fantasie. Sarebbe stato bello imbalsamare quel poveraccio, trattarlo come un papa o un vecchio faraone, e rendere immortale la spettacolare e ineccepibile mortalità di quel momento. Chiesi cortesemente il permesso di portarmi a casa quell’ammasso ormai inservibile di tessuti e organi prossimi alla decomposizione. Ma il poliziotto locale, Stg. Paul John George Ringo Pepper, scosse il capo.
«Non posso permetterlo», affermò con voce severa e paterna. «Prima dei tassidermisti, vengono i necrofili. Rispettiamo le precedenze, dioccane. E poi quel corpo è ancora caldo: sai quante settantenni adorano godersi l’ultima erezione di un cadavere? Rispetta le precedenze kid, rispetta le fottute precedenze, diopporco. Innanzitutto, le precedenze. Gadseivdequin!».
Al terzo “le precedenze” annuii. Mi sentii inerme e per certi versi preso in giro. Ero troppo giovane per il sesso. Sapevo di amici di amici di altri amici che sodomizzavano i feretri al Black Label Morgue cittadino, spesso prima del tè; ma io non avevo esperienza in merito, né conoscevo il sesso diverso dalla masturbazione. Inoltre, non avrei certo sprecato la mia prima volta con un cadavere. Tra l’altro a Shurdington, il nostro villaggio nella contea del Gloucherstershire, Tewkesbury Borough Council, era consuetudine ormai millenaria essere sverginati da un sacerdote cattolico irlandese, preferibilmente alcolizzato. Era un’usanza a cui tenevamo in parecchi, quanto le risse al pub e l’assegno di disoccupazione dopo il diploma. Non mi piaceva dunque discostarmi eccessivamente dalle tradizioni locali: temevo di figurare un reietto, o peggio ancora un sovversivo.
Carpito da questa, ma anche da molte altre preoccupazioni, decisi di fare due passi per la campagna circostante. Dove altro sarei potuto andare? Attorno c’era solo campagna e altra campagna. E pecore. E allevamenti di cavalli. E altre pecore.
Vagando, fumando una Winston rubata dal pacchetto paterno, portando a spasso la mia faccia presuntuosa condita dall’insolenza da undicenne, raggiunsi una vecchia casa che apparentemente sembrava abbandonata. C’era un enorme giardino a circondarla, anche se caratterizzato da piante secche, erbacce e quello che sembrava il rottame di una vecchia Aston Martin Ulster. La costruzione in sé era piuttosto inquietante: finestre con telai tarlati e vetri rotti; intonaco esterno completamente grattato via da incuria, intemperie e umidità; una grossa falla sul lato Nord Est della copertura. Quel luogo sembrava voler implodere su se stesso, ma mai senza schiacciare almeno quattro o cinque persone.
Varcai il cancello, sperando di individuare qui o là qualche rivista porno abbandonata. Capitava spesso di trovarne, in particolare in luoghi abbandonati. Avevo già il cazzo duro all’idea di farmi una sega, ma la porta della casa si aprì. Apparve una donna. Avrà avuto una ventina d’anni per gamba, e almeno altri trenta sul viso. Il suo volto era scavato, come se fosse affetta da tifo, tubercolosi: in realtà non dormiva da settimane.
«Cosa cerchi?» mi chiese con voce catarrosa.
Sollevai le spalle. Eppure la mia erezione parlava per me.
La donna allora, Miss Mary Chesterfield, si tolse la dentiera e mi raggiunse.

immagine presa da Qui

Cunnilingus mancato – Zoofilia unica via!

talia_cherry_picture_by_jonellbiasi64-dagawzrAnche se avrei dovuto, non mi sono chiesto come mai la mia tigre fosse ferita sul dorso e dietro il collo; né mi sono chiesto come mai possedessi una tigre domestica.  Mi sono solo preoccupato di accarezzarla sotto il mento, sperando gradisse. Strana vicenda quella della mia tigre, scappata ad alcuni ragazzi dello zoo di Berlino per portarmi una copia de I Ragazzi dello Zoo di Berlino. La tigre, che per fare in fretta chiamavo brevemente “grosso mammifero predatore alfa della famiglia dei felidi”, appariva piuttosto seccata per le mie continue apologie ai narcotici. Più che altro, non apprezzava il fatto che fossi un pessimo esempio di individuo socialmente integrato, con un lavoro decente e una reputazione solida, capace di godersi le droghe senza diventarne schiavo. È ipotizzabile la deriva cattolica della tigre, piuttosto restia ad accettare il concetto di libero arbitrio. Siamo onesti: come può un animale tanto sottomesso all’istinto, e agli ordini inderogabili di Mistress Mother Natura, adeguarsi alla capacità altrui di prendere decisioni indipendenti da certi vincoli del subconscio?
Su questa riflessione, mi apparve lei.
Era una giunonica e problematica venticinquenne, ex fidanzata di un mio caro amico vincolato a un’ulteriore ragazza problematica. Si chiamava Daniela, e quel giorno indossava un prendisole celeste. I suoi capelli erano spettinati, ma comunque accettabili. Indossava un paio di peeptoe color legno e aveva le unghie degli alluci laccate con smalto argento: esattamente come un personaggio secondario di un telefilm che avevo visto nel pomeriggio precedente. Daniela non era certo di buon umore. Prima mi chiese come mai la tigre fosse ancora viva nonostante le ferite. Poi mi diede una pessima notizia riguardante un’ottima persona. Non seppi risponderle, né confortarla: mi limitai ad osservarla piangere di fronte a me. Fu piuttosto imbarazzante, anche perché attirò l’attenzione di alcuni miei parenti.
«Non è tanto grave», le spiegò Romina, un mio zio ermafrodita morto quando ero ancora bambino. «Potresti essere nata con un seno più piccolo», aggiunse un’altra defunta parente, «e questo ti renderebbe meno popolare».
Le considerazioni sulle forme giunoniche non rallegrarono Daniela, né la lusingarono: era ancora concentrata sulla pessima notizia che l’aveva fatta esplodere in lacrime. Nemmeno la tigre le fu di conforto, visto che comincio ad annusarla all’altezza della vagina. Per un istante immaginai che per una donna potesse essere piacevole essere leccata lì da una lingua tanto larga e rasposa. Poi pensai a tutti i batteri che probabilmente si addensavano nella lingua di un felino, un organo che quegli animali utilizzano per rimuoversi la merda dal buco del culo. E spinto da questa consapevolezza, nonché dal mio ben noto spirito compassionevole, chiesi a Daniela se potessi fare qualcosa per lei, cunnilingus compreso.
Ma per qualche bizzarra ragione, suonò la sveglia e mi ritrovai nel letto. Ricordo le lenzuola in seta, le mie preziosissime e costose lenzuola di seta, macchiate di rosso. Percepivo una strana puzza di stalla rimescolata all’odore di macelleria. Nutrivo un’ansia piuttosto eccitante, perversa, innaturale, ma istintiva. Palpitavo. Avevo un sapore strano in bocca, come di carne cruda. Ero tutto sudato, con il cazzo bello duro.  Le mie mani tremavano per l’adrenalina. Non mi sentivo così da quando ero ancora un timido tredicenne cattolico al cospetto di suor Mary, pronta a sodomizzarmi con uno strapon a forma di Padre Pio. Quindi individuai i resti sbranati di Daniela ancora sul pavimento. La tigre, distesa a pancia in su, ruttava oramai sazia.

S(ado)m(asochismo) o S(ega)m(entale)

La prima volta è stato un semplice “hai da accendere?”
La seconda un “ci siamo già incontrati?”
Quindi “ancora tu?”
E infine “Valentina, piacere. Ma forse ci siamo già presentati!”
Segue un “ok!” alla proposta di un caffè.
E infine, ovviamente, il caffè.
La peggior caffetteria di Cagliari, ma la cameriera più cortese del pianeta.
I soliti discorsi sull’università.
Attendere che la parola “fidanzato/ragazzo” venga o meno fuori.
Eventualmente domandare in modo indiretto la presenza di qualcuno nella sua vita.
L’alzarsi per andare a pagare, che oggi a quanto pare è un atteggiamento sessista, ma a me fa piacere ugualmente.
L’explicit “la prossima volta offri tu!”
La prossima volta che è una passeggiata al parco. – open SM
Un tentativo di bacio, piuttosto maldestro. Non era il momento forse, o non è quella giusta probabilmente. close SM
Metterla sul discorso “che musica senti?”, così cacofonico nella pronuncia e così arrendevole nella sostanza. Parlare di musica a un appuntamento è come farsi una sega durante una scopata, certifica l’assenza di opzioni valide.
Pensare di non chiamarla più, sparire, limitarsi agli auguri al compleanno e qualche like sui social network, quando li inventeranno un domani.
Concentrarsi sull’esame, deconcentrarsi dall’esame, concentrarsi ancora, deconcentrarsi, come ballo di un’eterna estate di fancazzismo.
– open SM Immaginarla sorseggiare il caffè e sorridere, e sorridere close SM –; – open SM immaginarla succhiare un cazzo ed eccitarsi close SM –, arrabbiarsi.
Nel frattempo smetto di fumare, incontro altre donne, adotto un gatto e mi ammalo: scopro di essere allergico ai felini, intollerante alle altre donne, e che la mia forza di volontà è inferiore al desiderio di tabacco.
Così ancora una volta al distributore automatico, per un pacco di Winston, tanto per sentirmi un Kurt Cobain non troppo più allegro, ma decisamente più vivo.
«Ancora tu?»
Sempre sola, sempre angelica nel modo di sorridere, sempre imbarazzante con quel grosso seno che nemmeno le felpe larghe riescono a celare. «Sei arrabbiato con me? Non ti sei più fatto vivo!»
E sentirsi illuminati da un qualche angelo custode pagano, un dio onnipotente della risposta pronta e del bocchino sicuro, l’eterea figura metafisica che protegge noi viandanti nei distributori automatici di sigarette. «Mi interessavi», ammetto con la franchezza da “tanto non ci vedremo più in futuro”, scostandomi in modo che possa comprare le Camel, se non ricordo male. E mentre inserisce le monetine nell’apposita fessura, non mi resta che completare la mia confessione: «e quando hai respinto il bacio, mi sono tirato indietro»
«Quando hai provato a baciarmi?»
Ed è questo il mio problema. Spesso ricordo cose che non ho fatto. O meglio, ricordo gesti che non ho avuto le palle di compiere, convinto di fallire. Per mia fortuna ho smesso di fumare… coff coff!

Just to…

Giorni in cui ti affacci al parapetto, scuoti il capo, e ripeti a te stesso che tre piani non sarebbero sufficienti a garantirti la certezza della fine di tutto. L’idea di berti un cocktail di varechina, ricordandoti poi che una lavanda gastrica risolverebbe il “problema”. Il dramma di un’esistenza asfissiante e ripetitiva; la carenza di certezze scossa ogni tanto da una scopata, magari da una buona birra, ma nulla di più. Piccoli soddisfazioni che pesano nulla in confronto alle gigantesche delusioni. E nessun passo in avanti che ti sembra davvero tale. Come quando metti su gli XX sperando che ti diano la forza di fare un passo specifico, molto più importante. Ma rendersi conto che nemmeno quattro piani sarebbero sufficienti. Ripensare ai cani, che vanno a morire lontano. C’è molta solitudine nella resa, credo abbia a che fare con l’abbandono. O forse con la consapevolezza. O con l’intimità. O nulla di tutto ciò. Passare dagli XX agli Smiths, fino ai Depeche Mode. Sentirsi parte del sistema con Everything Counts, molto più che con Another Brick in The Wall. Fumare, tanto chi se ne frega? E farsi l’ennesima birra. Invece nulla da iniettarsi in endovena, o da sniffare, o da respirare dal vaporizzatore. Sorridere all’ennesimo schiaffo di Ghirardi a Bombolo, trovare la vodka, brindare a un altro probabile inutile risveglio. Concentrarsi sulla forma della spalliera del letto. Ricordarsi che dormi in un matrimoniale, quindi osservarLa raggiungerti, sorriderLe.  Infine capire che non ti sentiresti felice nemmeno se lo fossi, nemmeno se avessi tutto ciò che aspiri a possedere. Non tutte le auto sono concepite per macinare migliaia di chilometri… non tutte le persone sono adatte a vivere a lungo. Alcune invecchiano in fretta, forse appagate dal dionisiaco. O semplicemente si rompono.

B(rigitte). B(ardot).

Sponge Bob in Tv, tè freddo sul tavolo, te calda sul letto. Uno scenario simile a un film con Penelope Cruz e Banderas. Ma io non sono Banderas, né tu la Cruz. Fumare tonnellate di Winston in attesa che ci venga voglia di sporcare un altro preservativo: i Pantera nelle stereo, mentre Patrick riesce a far la doccia alla lumaca. Mi guardo i dorsi unti di fancazzismo, così lisce e borghesi. Le unghie pulite di chi non mette da tempo le mani nel grasso. Tu sembri Bridgitte Bardot, anche se scopi meglio della Bulgari. Un enorme incendio estingue la sete di sapere dei cattolici, nonché il meglio del Peripato. Bob Marley tatuato sotto una frase di Vasco. T’immagini? No, non immagini, ma dormi. Sorrido e ripenso all’ipotenusa, ma solo perché le tue cosce sono cateti, e il mio angolo è retto dopo aver visto il tuo seno: battute da ingegneri. Metto in carica la macchina dei sogni. Un’enorme carrucola abusiva mi aiuta a sollevare il peso di tuttiggiorni, quello di cui parla laggente! Sorrido, penso a quel vecchio brano dei Modena… al passo un po’ rude della gente di mare. E a quel giorno di pioggia, in cui ti ho conosciuta. Al tuo primo sms, ma anche all’ultimo. Ti osservo dormire come se fossi morta. O come se fossi morto io, e vegliassi da fantasma sulla tua venerabile insofferenza. Non potrei stare con te per un solo secondo della mia vita, eppure me la prendo perché non vuoi stare con me. . Cani che mostrano i denti, messicani che cucinano piccante. Due medici di origini siciliane che canticchiano Vecchioni, mentre la canzone d’autore scivola indifferente tra i Fedez e i Rovazzi. Carcerati che osservano i figli da dietro le sbarre, fieri dell’amore incondizionato. E dall’esterno, libero eppure prigioniero, osservo il tuo nome che mi sono tatuato sul dorso dell’anima, ritoccato con ogni singolo “grazie” che mi hai dispensato nel corso degli anni. Eppure vorrei tornare all’ultima volta in cui ti ho incontrata per strada, o a poco fa, mentre ripulivi il tuo seno dalle gocce di sborra, o all’origine patologica di ogni singola nauseante ossessione che abbaglia il mio buon senso. O più semplicemente, frugherò nella tua borsa ancora una volta: hai mica un’altra Winston?

Trans-sardegna!

rd0jj3fq

Prega il tuo dio pagano, i suoi miracoli meccanici, le sue iperboli stampate su carta carbone, ricopiate di Bibbia in Bibbia, come il testo di Smell Like Teen Spirits ai tempi di liceo. Viaggia in treno, compra un biglietto per Nowhere e indossa gli auricolari: Stone Temple Pilots. Voglio allevare una vacca, farla crescere, fotografarla e scrivere testi e musiche per Ummagumma parte II (road to Nowhere). Voglio vincere alla slut machine un bocchino dalla spogliarellista del casinò, dalla più carina, anche se l’unica che ha il cazzo. Ritrovarmi quindi a succhiare, non ad essere succhiato, e capire se mi piace.
Interludio: gregge di pecore che guarda Il Grande Fratello.
Carichi d’odio in 16:9, voce vogliosa mitragliante che alimenta la retorica rossiniana, musica classica e violenza sessuale: già visto migliaia di volte. Paolo Conte che si rompe i coglioni di quelli che ascoltano esclusivamente Paolo Conte, l’azzurro, che il pomeriggio è troppo azzurro, e sburro per te, mi accorgo di non avere più mignotte, senza di te. Ridete o irridete. Rossellini in coda al cineclub di periferia, a vedere un film autobiografico di Rossellini dove Rossellini è in coda al cineclub di periferia, mentre Lo Stato Sociale ci ricorda l’importanza dello stato sociale, senza cui non esisterebbero gli Lo Stato Sociale.
Intervallo: pecore che si inculano i pastori!
Frammenti scritti su rotoli di carta igienica, con la penna bic riscaldata con un accendino bic, e poi laggente che scopa rapidamente, tanto rapidamente che lo chiamano Pic, «già fatto?» Ok, battute vetuste come un film di Aldo, Giovanni e Giacomo. Aldo che ricorda Tom Morello, ma molto meno contro il sistema, molto meno “uccidere nel nome di”, e molto meno “tu ora fai ciò che ti dicono”. Dicono che chi ora fa ciò che gli dicono, 4/4 sui timpani, sia lo stesso che canta in coro “tu ora fai ciò che ti dicono”, assieme ad altre 250.000 persone accorse a un festival rock tedesco, quando alle quattro del pomeriggio suonano poconnienteddimeno che gli Smashing Pumpkins, e invece alle 22.00 un certo Ed Sheran.
Stacco: hai le emorroidi? oppure sei stato a negri?
E in fin dei conti ringrazio zio per avermi cresciuto ascoltando gli Europe, e la zia con le tette grandi e lo smalto rosso, e i porno dimenticati a casa di nonna, tra un Topolino(diritti riservati) e un Tex(o…che cazzo dici?…la vostra libertà!) e un Dylan Dog, che ogni volta che vedo Paperina o Eva Kant devo farmi una sega. Le seghe mentali di Kant: io ho dovuto sopprimere il sapone per sostituirvi la figa! E nel frattempo piove in estate, che ai continentali resta una sola settimana di ferie e porcoddio!

immagine presa da Qui

Corri Ozone!

e7ac672e-db02-4630-9cbd-98f3586cc348

Quando l’incipit è l’egoismo, l’explicit è sempre il senso di colpa. Anticipi morbosi, l’egoismo in liturgie. Il sonno che è solo dei giusti, perché quelli sbagliati sono troppi. Occhiaie che parlano di stato sociale, retorica da film restaurati, incensurati di bigottismo, come medici educati alla mungitura. Disillusione come nuova religione, un treno che si guasta a cento metri dalla stazione. La filosofia del perdente, stadi del lutto ancorati a “l’accettazione”. Il vagare solitario nell’impotenza del libero arbitrio, un lieto-fine peggiore del dramma, titoli di coda ad asciugare le lacrime. Il badante dei nostri incubi mai abbastanza stanco, perennemente in veglia ad alimentare il falò delle speranze disattese, della sodomia antropologica cortese. Il pane comprato al forno, profumato e fragrante, anche se qualcuno ha sputato nell’impasto. Veicolare ebola: coccolarlo come un bravo virus, iscriverlo alla scuola delle malattie mortali. Le foto di gruppo con il primario, il paziente, il becchino. L’ultima visione del film preferito, il commosso ricordo di chi ti vede morto prima del tuo tempo. Evitare i tatuaggi, i fiori, ma non le opere di pene. Il sapore distinto del mare, sulla pelle e nelle orecchie, come un eco che non cade in distorsione, come il sesso alimentato dalla perversione, la felicità come fenomeno di immersione, la vita invece sinonimo di corrosione.
Perché mai tornare a casa, addormentarsi, e risvegliarsi che manca un giorno di meno? Quando l’incipit è l’edonismo, l’explicit è sempre l’orgasmo.

Occidentali’s Claudia.

C’è mestiere e mestiere. Alcuni sono gratificanti, altri umilianti. Altri ancora sono invece catartici, perché offrono sfogo fisico e psicologico. Così ti trovi a ripristinare la sensazione che sudare serva a qualcosa. Vedere la soddisfazione sul volto altrui, anche se è solo il tuo primo giorno di lavoro. L’affetto della nuova titolare, che ti chiama per nome e si preoccupa se non ceni. La necessità di non cenare, perché c’è troppo da fare. Colleghi antipatici, colleghi simpatici. Colleghi che in realtà sono amici da anni, e a cui vuoi bene. La goliardia. La complicità. La solidarietà silenziosa.
“Andiamo a berci qualcosa, che devo pisciare”.
Quelli che sanno che a quell’ora la birra non ti va, e quelli che sanno che birra bevi di solito. La meccanica del nulla che lentamente riempi. Una matassa complicata di cavi che hai cablato tu. Un meccanismo rognoso che fai però funzionare, mentre ti viene chiesto “come diavolo hai fatto?”
La tensione elettrica; un poco di autorità (che non guasta mai); una foto al panorama. Dialetti differenti che socializzano durante la pausa sigaretta: Babele di nicotina. Lo schermo dello smartphone che ti fa sorridere quando si illumina. Tre volte il Cd di Francesco Renga, che in altre situazioni odieresti. Un tizio che racconta barzellette vecchie di trent’anni, e nessuno che ride. Adulti che provano ad assecondare i bambini con Rovazzi, anche se i bimbi pretendono ormai Gabbani. Una bella ragazza, Claudia, che rinomini “Occidentali’s Claudia”.
Tutti i generatori che generano, tutti i tritatori che tritano, produttori producenti. E un sistema che crea profitto, mentre tu, con la pulsantiera in mano, ti rendi conto di non esserti ancora seduto. E la ragazza bionda che ti offre una sedia, e anche una carezza. Quindi un altro sorso d’acqua, prima dell’epilogo: “anche stavolta è andata”.
Rispondere “e perché mai?” ai tanti “credevo peggio!”
Essere l’ultimo arrivato e osservarti rassicurare i veterani.
Ricordarsi che c’è qualcosa di meraviglioso nel sentirsi esausto alle quattro del mattino, guidando un furgone con i Radiohead in sottofondo, e il sapore di una pizza fredda ancora in bocca. E c’è lei a casa, ad attenderti. Lei che “tanto ti aspetto sveglia”, ma che trovi addormentata. E il profumo di sesso mancato nelle lenzuola. La sensazione di poterla disturbare per scopare… poi quel tenero “non oggi, tesoro mio”, mentre la osservi dormire.
E casa tua, che lentamente è diventata casa vostra.